Catanzaro
 

Prc: "No chiusura guardie mediche nel Catanzarese"

"L'annunciata chiusura di oltre 30 guardie mediche su 60, disposta dai commissari prefettizi dell'ASP di Catanzaro, è per noi una scelta totalmente errata, un taglio indiscriminato ai servizi di assistenza ai cittadini e ai più deboli". Lo scrive il Partito della Rifondazione Comunista in una nota.

"Una decisione che andrebbe ulteriormente a penalizzare i nostri territori, in particolare le aree interne, sui quali pesano i problemi, ormai endemici, della sanità calabrese.
In nome di fredde logiche finanziarie, si privano i cittadini di un diritto e di importanti presidi di continuità assistenziale. A questo vanno aggiunti i possibili contraccolpi in merito alla situazione occupazionale. Da questo punto di vista, inoltre, sono note le gravi difficoltà in cui operano da anni lavoratrici e lavoratori in ambito sanitario.
Ribadiamo, pertanto, il nostro forte dissenso in merito e pensiamo sia il momento di rimettere al centro dell'agenda politica, dopo anni di scelte e gestioni fallimentari, un nuovo piano socio-sanitario, da noi proposto e presentato già da diverso tempo, che garantisca il diritto alla salute per i calabresi".