Cosenza
 

Fase 2, riapre il mercato civico di Crosia Mirto: previste straordinarie misure di sicurezza

Fase 2, riapre il mercato civico di Crosia Mirto. Domani (sabato 30 maggio), dopo l'emergenza Covid, l'area mercatale di via Spadolini tornerà ad ospitare esercenti ed espositori. Previste straordinarie misure di sicurezza anti contagio con ingresso controllato. Diverse le misure messe in campo dalla task force della protezione civile coordinata dal sindaco Antonio Russo. Tutti dovranno indossare mascherine e guanti.

È quanto fa sapere il consigliere comunale delegato al Commercio, Giuliana Morrone, annunciando la riapertura della zona mercato e illustrando le modalità di accesso all'area, pianificate dall'ufficio della Polizia locale.

L'area mercato, in base alle direttive disposte dall'Istituto superiore di sanità e dal Governo, riapre seguendo un rigido protocollo. Su tutti gli ingressi saranno esposti i cartelli per le prescrizioni e saranno presidiati da personale volontario che si occuperà di favorire il regolare deflusso dei visitatori. Ogni cittadino e operatore che accederà all'area mercato, che sarà delimitata da transenne, dovrà essere munito degli appositi dispositivi di protezione individuale, che sono obbligatori e senza i quali non sarà consentito l'ingresso. Ci sarà l'obbligo, inoltre, di mantenere il distanziamento sociale di almeno un metro e di non poter fare assembramenti. Sarà ovviamente vietato l'ingresso a chi presenta sintomi febbrili.

«Ritorniamo alla normalità a piccoli passi» dice il consigliere Morrone. «Insieme al sindaco Russo – aggiunge – abbiamo voluto che Crosia Mirto riabbracciasse il suo mercato che è da sempre anche un momento di forte socializzazione. Ovviamente, per questi primi mesi di sperimentazione del mercato, bisognerà rispettare le regole anti contagio e attenersi a tutte le indicazioni che verranno date dagli agenti di Polizia locale e dai volontari. Ma siamo certi che la cittadinanza continuerà a dimostrare un alto senso civico, così come ha fatto fino ad oggi e durante l'emergenza»