Reggio Calabria
 

Scontro nave mercantile-imbarcazione gruppo ormeggiatori nel porto di Gioia Tauro

Foto unitaIeri, alle ore 12.00 circa, durante la manovra di accosto di una portacontenitori presso la banchina di levante per l'esecuzione delle ordinarie operazioni commerciali, la nave ha urtato una motobarca di proprietà del Gruppo ormeggiatori e barcaioli del porto di Reggio Calabria e Gioia Tauro che si trovava ormeggiata nelle vicinanze del punto di attracco assegnatogli.

L'unità degli ormeggiatori, si trovava ivi ormeggiata, naturalmente senza equipaggio a bordo, per un eventuale pronto utilizzo in caso di necessità. Durante la manovra di accosto eseguita con l'ausilio di due rimorchiatori e di due piloti, il grande cargo mercantile, per cause in corso di accertamento, scarrocciava sulla piccola motobarca che, a seguito del contatto, veniva spinta tra la banchina ed il mercantile, subendo notevoli danni che ne hanno decretato l'inabissamento.

Nell'immediatezza, interveniva personale della Capitaneria di porto unitamente ad una dipendente motovedetta per il coordinamento dell'emergenza. Giunti sul posto, si provvedeva pertanto a coinvolgere il dispositivo antinquinamento portuale costituito dal rimorchiatore Angelo Ravano, il quale provvedeva, a scopo precauzionale, a delimitare con panne galleggianti la piccola porzione di specchio acqueo interessato dall'ormeggio della pilotina, onde scongiurare qualsiasi potenziale inquinamento.

L'episodio, che non ha coinvolto persone, è stato prontamente gestito anche con l'ausilio di tutti gli operatori portuali ivi compresi il Gruppo Ormeggiatori, la società di rimorchio "Con.Tug.", i sommozzatori in servizio locale della "Tirreno Sub Service" e personale della società terminalista MCT. Infatti, alle ore 16.00 circa, l'unità sommersa veniva recuperata, alata ed assicurata a terra, evitando significanti episodi di inquinamento.

Sono in corso gli accertamenti del caso, per meglio comprendere l'esatta dinamica della vicenda.